An error occured during parsing XML data. Please try again.
Siamo tutt* NoTav! A fianco a Luca e a chi lotta in Val di Susa.

Comunicati

Alemanno e Polverini ladri di citta'

azione20120130forlaniniArriva oggi in consiglio comunale la delibera di Attuazione del Piano Casa della Regione Lazio. La truffa parte già dal nome. Nonostante il nome “Piano Casa”, il provvedimento della Regione non affronta il problema dell’emergenza abitativa, ma anzi da il via ad una grossa speculazione che investirà tutta la città. In barba totale al piano regolatore di Roma, il “piano casa” consente di cambiare destinazione d’uso in residenziale – cioè case private - di aree libere non residenziali, di edifici non residenziali dismessi, uffici, attività produttive ed artigianali fino alle strutture sanitarie chiuse. Una norma inoltre elimina ogni forma di struttura produttiva e sanitaria per farci case per la compravendita. E’ una perversa idea di sviluppo che prevede rendita invece di produzione. Né basta per giustificare questa operazione sostenere che il 30% della case andranno in locazione. Si tratta infatti di un ricatto dei costruttori alla città, del tutto inutile dal punto di vista dell’emergenza abitativa. Non si conosce il canone di locazione, né le condizioni per la scelta degli inquilini. Tutto sarà gestito dal privato.
RASSEGNA STAMPA: Repubblica, Paese Sera, Omniroma

La conquista dei beni comuni non si arresta

Damiano e Davide liberi! Liber* tutt*!
Il contagio: è la parola magica per capire il nostro tempo. La crisi dei mutui subprime e delle banche ha proceduto per contagio. Per contagio è esplosa la crisi dell'euro: come un'influenza, dalla Grecia all'Italia, dall'Irlanda alla Spagna. E ora anche la Francia e l'Austria, e la stessa Germania, che tutti i “medici” ritenevano immune.
I contagi che andrebbero prevenuti e curati, quelli che colpiscono il 99% della società, sono lasciati liberi, perché solo la libera concorrenza può salvare il mondo: questa è la dottrina inossidabile di top manager e ad delle holding bancarie, agenzie di rating e economisti. Quindi privatizzazioni, demolizioni del welfare e del diritto del lavoro, disoccupazione e povertà, devastazione ambientale e razzismo di Stato.
Ma l'estensione del contagio spaventa un pochino: e se qualcuno prova a ribellarsi? Allora entrano in gioco i governi nazionali e le procure più zelanti. La puntualità con cui questa mattina la procura di Torino, la solita, quella di Caselli, ha colpito il variegato “popolo No Tav” la dice lunga: di fronte al dilagare delle proteste di autotrasportatori e «forconi» occorre dare un segnale, spaventare e, soprattutto, impedire che segmenti sociali diversi si uniscano nella lotta. La durezza della crisi non ammette parole di dissenso, non tollera la dialettica democratica e la sospensione della democrazia deve procedere inesorabile, contro studenti e amministratori locali, giovani attivisti che non accettano di stare in silenzio di fronte allo scempio della Tav in Val Susa.

Giu' le mani dall'acqua e dalla democrazia

acqua, il mio voto va rispettatoIl 12 e 13 giugno scorsi 26 milioni di donne e uomini hanno votato per l’affermazione dell’acqua come bene comune e diritto umano universale e per la sua gestione partecipativa e senza logiche di profitto.
Le stesse persone hanno votato anche la difesa dei servizi pubblici locali dalle strategie di privatizzazione: una grande e diffusa partecipazione popolare, che si è espressa in ogni territorio, dimostrando la grande vitalità democratica di una società in movimento e la capacità di attivare un nuovo rapporto tra cittadini e Stato attraverso la politica.
Il voto ha posto il nuovo linguaggio dei beni comuni e della partecipazione democratica come base fondamentale di un possibile nuovo modello sociale capace di rispondere alle drammatiche contraddizioni di una crisi economico-finanziaria sociale ed ecologica senza precedenti.

carlo felice non si sgombera

http://actiondiritti.net/joomla15/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/564590sansbankitalia1.jpg

Settimana di mobilitazione per i diritti delle e dei migranti L’attacco ai diritti e alla dignità dei migranti, che ha conosciuto la sua pagina più oscura nelle giornate di Rosarno,

http://actiondiritti.net/joomla15/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/364029sansbankitalia2.jpg

Settimana di mobilitazione per i diritti delle e dei migranti L’attacco ai diritti e alla dignità dei migranti, che ha conosciuto la sua pagina più oscura nelle giornate di Rosarno,

http://actiondiritti.net/joomla15/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/575395sansbankitalia3.jpg

Settimana di mobilitazione per i diritti delle e dei migranti L’attacco ai diritti e alla dignità dei migranti, che ha conosciuto la sua pagina più oscura nelle giornate di Rosarno,

http://actiondiritti.net/joomla15/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/113493sansbankitalia4.jpg

Settimana di mobilitazione per i diritti delle e dei migranti L’attacco ai diritti e alla dignità dei migranti, che ha conosciuto la sua pagina più oscura nelle giornate di Rosarno,

http://actiondiritti.net/joomla15/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/450509sansbankitalia7.jpg

Settimana di mobilitazione per i diritti delle e dei migranti L’attacco ai diritti e alla dignità dei migranti, che ha conosciuto la sua pagina più oscura nelle giornate di Rosarno,

Documentari


La Rabia Digna LA RABIA DIGNA
Il documentario è stato realizzato nel 2009 come contributo alla carovana in partenza per il Chiapas, e racconta i volti, le storie e le lotte che hanno portato alla nascita di Action
Bussola a 60 BUSSOLA A 60°
Realizzato durante la carovana di Uniti per la Libertà svoltasi la scorsa primavera. Dai campi profughi al confine con la Libia agli sguardi dei ragazzi che sognano l'Europa
Bussola a 60 CON LA PALESTINA NEGLI OCCHI
Nel 2002 centinaia di persone da tutto il mondo hanno partecipato ad una carovana di pace in Palestina. Il video racconta i primi giorni dell'operazione "Muraglia di difesa" con cui l'esercito israeliano ha rioccupato i territori palestinesi.
legalaction_p